Ancora “tanto” Patavium nel Lattebusche

E’ ancora il C.A. Patavium a vincere nella categoria baby femminile del Lattebusche con l’imbattibile Angelica Paone.

A Zoldo sulla pista Grava  si impone infatti su Giorgia De Conto a sull’altra nostra baby atleta del Patavium Giulia Checchinato che giunge perciò sul gradino più basso del podio: nella categoria baby perciò due atlete = due podi!

Ottima prova anche delle nostre cucciole:

Vittoria Checchinato infatti giunge settima ad un soffio dalla medaglia del quinto, Margherita Pivotti nona, Alessia Dalla Baratta si è classificata al ventesimo posto e Laura Dell’Antonio al ventiduesimo. Ottima perciò la prestazione di squadra: anche in questa occasione , come altre volte in precedenza, sfiorato il podio per SC. il Patavium è giunto quarto nella classifica per società ad un solo punto dal terzo e altrettanti soli 5 piccoli punticini dal secondo posto .

Con sole sei atlete iscritte e classificate è un ottimo risultato per il nostro SC: impegno precipuo per la prossima stagione sarà la ricerca di altri piccoli atleti per alimentare la nostra piccola “valanga rosa” che quest’anno si è dimostrata una Vera Squadra; l’unico rammarico è proprio la mancanza di un podio per società che avrebbe premiato con una coppa l’impegno di tutte le nostre piccole atlete: dalla prima all’ultima, sarebbe stato strameritato.

Si chiude così la fase eliminatoria del Trofeo Lattebusche facendo i complimenti a tutte le nostre piccole “befane”, appena possibile informeremo su chi di loro sarà passata direttamente alla finale di Padola del prossimo 11 marzo, per le altre la chance è quella della finalina del 10 marzo. Ancora complimenti ed un bacio a tutte le nostre piccole grandi bimbe.

Buone notizie anche dal fronte Aviva cat. Allievi. L’unico nostro atleta Giacomo C., continuando a sfoderare discese impeccabili in allenamento, ma non sempre riuscendo a concretizzare in gara è comunque riuscito a a qualificarsi per la fase regionale del Gran Prix AVIVA a Bosco S. Giorgio (VR).

E’ un sicuramente un atleta di buon valore tecnico, anche se a volte pecca in concentrazione e “cattiveria agonistica”, speriamo comunque che nel proseguo della stagione e nelle prossime future possa crescere anche dal punto mentale per fornire prestazioni degne delle sue qualità tecniche che riesce molto bene ad esprimere in allenamento.

A detta del suo allenatore le prerogative per diventare un buon atleta ci sono tutte, soprattutto lui deve ora crederci.

In bocca al lupo.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *